Immagini e metafore oscure in epigoni di Guittone