Gadda e Proust: due "grandi uomini". La "vittoriosa iper-cognizione" della scrittura e la Storia bugiarda