"Proverbia" e "sententiae" in Dante: a proposito di 'De vulgari eloquentia' I.VII.2 e di altri casi