Introduzione. La necessità e l’utilità di promuovere atteggiamenti e comportamenti prosociali nei contesti scolastici è stata sottolineata nell’ambito di diverse prospettive come il Positive Youth Development (Lerner, et al., 2005) e il Social and Emotional Learning (Zins & Elias, 2007). Molti studi hanno evidenziato che i bambini maggiormente prosociali presentano anche buone capacità di autoregolazione emotiva (si veda Eisenberg, Spinrad & Knafo, 2015). In particolare, saper regolare le proprie emozioni sembra modulare l’intensità degli stati emotivi dei bambini e, di conseguenza, contribuisce a renderli meno autocentrati, più simpatetici e attenti ai bisogni dell’altro (Carlo, Crockett et al., 2012). Sulla base di queste premesse, è stato sviluppato in Italia un modello di intervento, denominato CEPIDEAS finalizzato alla promozione dei comportamenti prosociali negli adolescenti della scuola secondaria di I grado, che ha mostrato diverse evidenze di efficacia (Caprara et al., 2014; 2015). L’intervento prevede cinque componenti: valori e motivazioni prosociali, competenze nella regolazione emotiva, empatia e capacità di assumere la prospettiva altrui, capacità comunicative e di autoregolazione del comportamento, precursori dell’impegno civico. In particolare, l’intervento si fonda sulla teoria social-cognitiva (Bandura, 1997), che attribuisce un ruolo cruciale alle convinzioni di efficacia e indica le strategie da utilizzare per sviluppare tali convinzioni. Scopo del presente studio è valutare gli effetti sulle capacità di regolazione emotiva, in particolare rabbia e tristezza, di una versione del CEPIDEAS per i bambini della scuola primaria. Metodo. Il programma, della durata di 3 mesi (100 ore), è rivolto alle classi III, IV e V della scuola primaria e prevede unità didattiche sviluppate dagli insegnati e focalizzate su una o più componenti del CEPIDEAS. L’unità didattica utilizza i contenuti curriculari scolastici per promuovere le diverse componenti del programma. L’intervento è stato realizzato in cinque scuole dell’area metropolitana di Roma. Hanno partecipato complessivamente 207 alunni frequentanti le classi III, IV e V della scuola primaria e suddivisi in due gruppi: intervento (109 alunni, 50.6% maschi, età media 9.30 anni; D.S. 0.85) e controllo (98 alunni (51.4% maschi; età media 9.45 anni, D.S. 0.80). Entrambi i gruppi sono stati valutati in due momenti distinti; prima dell’avvio (T1, febbraio 2016) e a conclusione dell’intervento (T1, maggio 2016), utilizzando una metodologia multi-informant. Agli alunni è stato somministrato il Children’s Emotion Management Scales (CEMS: Zeman, Shipman e Penza-Clyve, 2001). Agli insegnanti e agli osservatori è stato somministrato l’Emotion Regulation Checklist (ERC: Shields & Cecchetti, 1997; val. it. Molina, et al., 2014). Risultati. Dall’analisi della varianza (ANOVA) a misure ripetute emergono effetti di interazione Tempo (T1, T2) x Gruppo (Intervento, Controllo). Per quanto riguarda l’autovalutazione si rileva l’incremento della capacità percepita dagli alunni di regolare in modo adattivo la rabbia [F(1,172) =6.13; p<,05; eta2 .03] e il decremento dell’espressione sregolata della rabbia [F(1,172)=6.19; p<,05; eta2 .04] e della tristezza [F(1,172) 8.79; p<,01; eta2 .05]. Per quanto riguarda la valutazione degli insegnanti, si rileva un decremento della Labilità emotiva/Negatività [F(1,194)= 10.02; p<,01; eta2.05] e una tendenza all‘incremento delle capacità di regolazione emotiva [F(1,194)=3.36; p=,06; eta2.02]. Infine, nella valutazione dell’osservatore, effettuata solo nelle classi di intervento, si rilevano effetti principali del tempo sia sulla Labilità emotiva/Negatività [F(1,194) 42.33; p<,001; eta2.35] che sulla Regolazione Emotiva [F(1,194) 57.78; p<,001; eta2 .42]. Conclusioni. Risultati di questo studio pilota, suggeriscono che l’adattamento del programma CEPIDEAS sembra contribuire a promuovere maggiori capacità di regolazione emotiva nei bambini, che possono essere alla base della prosocialità e più in generale dell’adattamento. Rimangono da chiarire i meccanismi di regolazione emotiva e comportamentale implicati nei processi di cambiamento attivati dall’intervento.

Vecchio Giovanni, M., Luengo Kanacri Bernadette, P., Milioni, M., Gerbino, M., & Schneider, B. (2017). Effetti sulla regolazione emotiva di un intervento di educazione alla prosocialità: risultati di uno studio pilota nella scuola primaria. In Associazione Italiana di Psicologia Sezione di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione XXX Congresso Nazionale. ATTI. (pp.119-120). Roma : Alpes Italia.

Effetti sulla regolazione emotiva di un intervento di educazione alla prosocialità: risultati di uno studio pilota nella scuola primaria

Vecchio Giovanni Maria.
;
Milioni Michela.;
2017

Abstract

Introduzione. La necessità e l’utilità di promuovere atteggiamenti e comportamenti prosociali nei contesti scolastici è stata sottolineata nell’ambito di diverse prospettive come il Positive Youth Development (Lerner, et al., 2005) e il Social and Emotional Learning (Zins & Elias, 2007). Molti studi hanno evidenziato che i bambini maggiormente prosociali presentano anche buone capacità di autoregolazione emotiva (si veda Eisenberg, Spinrad & Knafo, 2015). In particolare, saper regolare le proprie emozioni sembra modulare l’intensità degli stati emotivi dei bambini e, di conseguenza, contribuisce a renderli meno autocentrati, più simpatetici e attenti ai bisogni dell’altro (Carlo, Crockett et al., 2012). Sulla base di queste premesse, è stato sviluppato in Italia un modello di intervento, denominato CEPIDEAS finalizzato alla promozione dei comportamenti prosociali negli adolescenti della scuola secondaria di I grado, che ha mostrato diverse evidenze di efficacia (Caprara et al., 2014; 2015). L’intervento prevede cinque componenti: valori e motivazioni prosociali, competenze nella regolazione emotiva, empatia e capacità di assumere la prospettiva altrui, capacità comunicative e di autoregolazione del comportamento, precursori dell’impegno civico. In particolare, l’intervento si fonda sulla teoria social-cognitiva (Bandura, 1997), che attribuisce un ruolo cruciale alle convinzioni di efficacia e indica le strategie da utilizzare per sviluppare tali convinzioni. Scopo del presente studio è valutare gli effetti sulle capacità di regolazione emotiva, in particolare rabbia e tristezza, di una versione del CEPIDEAS per i bambini della scuola primaria. Metodo. Il programma, della durata di 3 mesi (100 ore), è rivolto alle classi III, IV e V della scuola primaria e prevede unità didattiche sviluppate dagli insegnati e focalizzate su una o più componenti del CEPIDEAS. L’unità didattica utilizza i contenuti curriculari scolastici per promuovere le diverse componenti del programma. L’intervento è stato realizzato in cinque scuole dell’area metropolitana di Roma. Hanno partecipato complessivamente 207 alunni frequentanti le classi III, IV e V della scuola primaria e suddivisi in due gruppi: intervento (109 alunni, 50.6% maschi, età media 9.30 anni; D.S. 0.85) e controllo (98 alunni (51.4% maschi; età media 9.45 anni, D.S. 0.80). Entrambi i gruppi sono stati valutati in due momenti distinti; prima dell’avvio (T1, febbraio 2016) e a conclusione dell’intervento (T1, maggio 2016), utilizzando una metodologia multi-informant. Agli alunni è stato somministrato il Children’s Emotion Management Scales (CEMS: Zeman, Shipman e Penza-Clyve, 2001). Agli insegnanti e agli osservatori è stato somministrato l’Emotion Regulation Checklist (ERC: Shields & Cecchetti, 1997; val. it. Molina, et al., 2014). Risultati. Dall’analisi della varianza (ANOVA) a misure ripetute emergono effetti di interazione Tempo (T1, T2) x Gruppo (Intervento, Controllo). Per quanto riguarda l’autovalutazione si rileva l’incremento della capacità percepita dagli alunni di regolare in modo adattivo la rabbia [F(1,172) =6.13; p<,05; eta2 .03] e il decremento dell’espressione sregolata della rabbia [F(1,172)=6.19; p<,05; eta2 .04] e della tristezza [F(1,172) 8.79; p<,01; eta2 .05]. Per quanto riguarda la valutazione degli insegnanti, si rileva un decremento della Labilità emotiva/Negatività [F(1,194)= 10.02; p<,01; eta2.05] e una tendenza all‘incremento delle capacità di regolazione emotiva [F(1,194)=3.36; p=,06; eta2.02]. Infine, nella valutazione dell’osservatore, effettuata solo nelle classi di intervento, si rilevano effetti principali del tempo sia sulla Labilità emotiva/Negatività [F(1,194) 42.33; p<,001; eta2.35] che sulla Regolazione Emotiva [F(1,194) 57.78; p<,001; eta2 .42]. Conclusioni. Risultati di questo studio pilota, suggeriscono che l’adattamento del programma CEPIDEAS sembra contribuire a promuovere maggiori capacità di regolazione emotiva nei bambini, che possono essere alla base della prosocialità e più in generale dell’adattamento. Rimangono da chiarire i meccanismi di regolazione emotiva e comportamentale implicati nei processi di cambiamento attivati dall’intervento.
978886531-462-3
Vecchio Giovanni, M., Luengo Kanacri Bernadette, P., Milioni, M., Gerbino, M., & Schneider, B. (2017). Effetti sulla regolazione emotiva di un intervento di educazione alla prosocialità: risultati di uno studio pilota nella scuola primaria. In Associazione Italiana di Psicologia Sezione di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione XXX Congresso Nazionale. ATTI. (pp.119-120). Roma : Alpes Italia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/329170
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact