I comunisti e gli intellettuali: gli anni di "società"