Dalla terminologia della scenotecnica alla lingua comune: il caso di dietro le quinte