In view of the difficulties encountered by anyone who wishes to get an overview of the translation practices used in the complex world of the Franciscans, this essay sheds light on various open issues, also on major dossiers often analyzed in recent studies, such as those of the Actus / Fioretti or the Meditationes vitae Christi. Franciscan volgarizzamenti are characterized, on the one hand, by the importance and substantial presence of texts concerning the difficult history of the Order itself, in an unremitting, always militant, and oftentimes self-referential collective reflection, and on the other hand by the lack of a precise translation program guided by paraenetic or pastoral intentions.

Partendo dalle difficoltà cui si trova di fronte chi intenda tracciare un quadro d’insieme delle pratiche del volgarizzare nel complesso universo minoritico, il saggio illustra le varie questioni di fondo tuttora aperte anche su dossier imponenti e battuti dalla storiografia recente, come quelli degli Actus / Fioretti o delle Meditationes vitae Christi. La situazione dei volgarizzamenti francescani appare in conclusione marcata da un lato dalla rilevanza anche quantitativa di testi riguardanti la tormentata storia dell’Ordine, in una continua e sempre militante riflessione collettiva (non priva di una certa autoreferenzialità) su un’esperienza avvertita come assolutamente privilegiata; dall’altro, dall’assenza di un preciso programma di volgarizzamento motivato da fini parenetici o pastorali.

Pegoretti, A. (2021). Per una definizione minima dei volgarizzamenti “francescani”. In Toscana bilingue (1260 ca.–1430 ca.). Per una storia sociale del tradurre medievale (pp.371-380). Berlin/Boston : De Gruyter [10.1515/9783110702231].

Per una definizione minima dei volgarizzamenti “francescani”

Anna Pegoretti
2021

Abstract

Partendo dalle difficoltà cui si trova di fronte chi intenda tracciare un quadro d’insieme delle pratiche del volgarizzare nel complesso universo minoritico, il saggio illustra le varie questioni di fondo tuttora aperte anche su dossier imponenti e battuti dalla storiografia recente, come quelli degli Actus / Fioretti o delle Meditationes vitae Christi. La situazione dei volgarizzamenti francescani appare in conclusione marcata da un lato dalla rilevanza anche quantitativa di testi riguardanti la tormentata storia dell’Ordine, in una continua e sempre militante riflessione collettiva (non priva di una certa autoreferenzialità) su un’esperienza avvertita come assolutamente privilegiata; dall’altro, dall’assenza di un preciso programma di volgarizzamento motivato da fini parenetici o pastorali.
978-3-11-070203-3
In view of the difficulties encountered by anyone who wishes to get an overview of the translation practices used in the complex world of the Franciscans, this essay sheds light on various open issues, also on major dossiers often analyzed in recent studies, such as those of the Actus / Fioretti or the Meditationes vitae Christi. Franciscan volgarizzamenti are characterized, on the one hand, by the importance and substantial presence of texts concerning the difficult history of the Order itself, in an unremitting, always militant, and oftentimes self-referential collective reflection, and on the other hand by the lack of a precise translation program guided by paraenetic or pastoral intentions.
Pegoretti, A. (2021). Per una definizione minima dei volgarizzamenti “francescani”. In Toscana bilingue (1260 ca.–1430 ca.). Per una storia sociale del tradurre medievale (pp.371-380). Berlin/Boston : De Gruyter [10.1515/9783110702231].
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/379043
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact