Dante e la mediazione mitografica fulgenziana