Nel 1922 vengono pubblicati due testi che cambiano profondamente il concetto di tradizione letteraria: The Waste Land di T. S. Eliot e Ulysses di J. Joyce. In entrambi l’ironia è utilizzata come baluardo contro una tradizione stagnante, radicata in una realtà dicotomica, degradata e teatrale, che vuole offrire un’immagine di facciata immacolata tendente alla perfezione, per nascondere fondamenta sordide e apparentemente immutabili. In entrambi, pur con intenti diversi, si utilizza a più riprese l’immagine della prostituta per significare una condizione di disfunzionalità emozionale, sociale ed artistica che come uno specchio incrinato riflette la morale contemporanea (e che a un secolo di distanza non si è ancora risolta). Tra indicibilità e incomunicabilità, il linguaggio del pensiero irrompe nella letteratura e ne scardina i meccanismi di rappresentazione, accostando immagini e voci come oggetti scintillanti in un boudoir.

Leproni, R. (2020). 1922. “The Nymphs are departed”, “just a shade of anxiety”. GIORNALE DI STORIA, 34/2020.

1922. “The Nymphs are departed”, “just a shade of anxiety”

Leproni Raffaella
2020

Abstract

Nel 1922 vengono pubblicati due testi che cambiano profondamente il concetto di tradizione letteraria: The Waste Land di T. S. Eliot e Ulysses di J. Joyce. In entrambi l’ironia è utilizzata come baluardo contro una tradizione stagnante, radicata in una realtà dicotomica, degradata e teatrale, che vuole offrire un’immagine di facciata immacolata tendente alla perfezione, per nascondere fondamenta sordide e apparentemente immutabili. In entrambi, pur con intenti diversi, si utilizza a più riprese l’immagine della prostituta per significare una condizione di disfunzionalità emozionale, sociale ed artistica che come uno specchio incrinato riflette la morale contemporanea (e che a un secolo di distanza non si è ancora risolta). Tra indicibilità e incomunicabilità, il linguaggio del pensiero irrompe nella letteratura e ne scardina i meccanismi di rappresentazione, accostando immagini e voci come oggetti scintillanti in un boudoir.
Leproni, R. (2020). 1922. “The Nymphs are departed”, “just a shade of anxiety”. GIORNALE DI STORIA, 34/2020.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/380346
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact