“Il grande ed il bello hanno ancora fatalmente la meglio su ciò che è piccolo e di scarso rilievo estetico” (Cambi) Porre il problema equivale a trovarcisi già dentro. Nel momento in cui si parla di bene culturale si sta già commettendo un passo falso. Questa definizione è infatti sintomatica di un atteggiamento distorto che tende ad isolare dal suo contesto di appartenenza ciò che appunto viene definito bene: un valore puntuale, ovvero, da conservare e pertanto da collocare in una dimensione altra, fissa e per nulla dinamica, alienata dal vivere quotidiano. Per tal pensiero il bene culturale diviene immediatamente risorsa economica, merce per acquirenti temporanei a cui non viene affidata la responsabilità della sua cura. È dunque un atteggiamento, questo, che non solo trascura i contesti di appartenenza, costituiti per lo più da cose piccole e di scarso rilievo estetico, ma tende anche a svalutare, senza accorgersene, il bene che sta tutelando, il grande e bello. A questa posizione deve opporsi una visione sistemica che veda riconsegnare organicità al paesaggio, rimettendone a sistema gli elementi, al fine di facilitarne la visione come ordine complesso, dove le parti sono interrelate le une con le altre e tutto concorre alla narrazione dei luoghi; dove tutto è funzionale alla comprensione.

Casadei, C. (2019). Le strade raccontano i paesaggi. In Il progetto di architettura come intersezione di saperi. Per una nozione rinnovata di Patrimonio (pp.1378-1383). ProArch.

Le strade raccontano i paesaggi

C. Casadei
2019

Abstract

“Il grande ed il bello hanno ancora fatalmente la meglio su ciò che è piccolo e di scarso rilievo estetico” (Cambi) Porre il problema equivale a trovarcisi già dentro. Nel momento in cui si parla di bene culturale si sta già commettendo un passo falso. Questa definizione è infatti sintomatica di un atteggiamento distorto che tende ad isolare dal suo contesto di appartenenza ciò che appunto viene definito bene: un valore puntuale, ovvero, da conservare e pertanto da collocare in una dimensione altra, fissa e per nulla dinamica, alienata dal vivere quotidiano. Per tal pensiero il bene culturale diviene immediatamente risorsa economica, merce per acquirenti temporanei a cui non viene affidata la responsabilità della sua cura. È dunque un atteggiamento, questo, che non solo trascura i contesti di appartenenza, costituiti per lo più da cose piccole e di scarso rilievo estetico, ma tende anche a svalutare, senza accorgersene, il bene che sta tutelando, il grande e bello. A questa posizione deve opporsi una visione sistemica che veda riconsegnare organicità al paesaggio, rimettendone a sistema gli elementi, al fine di facilitarne la visione come ordine complesso, dove le parti sono interrelate le une con le altre e tutto concorre alla narrazione dei luoghi; dove tutto è funzionale alla comprensione.
978-88-909054-9-0
Casadei, C. (2019). Le strade raccontano i paesaggi. In Il progetto di architettura come intersezione di saperi. Per una nozione rinnovata di Patrimonio (pp.1378-1383). ProArch.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CASADEI_Full paper 15000 battute.pdf

accesso aperto

Descrizione: Contributo in Atti di Convegno
Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: Creative commons
Dimensione 6.76 MB
Formato Adobe PDF
6.76 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
CASADEI_abstract.pdf

accesso aperto

Descrizione: Abstract
Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: Creative commons
Dimensione 80.55 kB
Formato Adobe PDF
80.55 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/386950
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact