«L’autor libramente vel concede»: il narratore nel Mambriano